Spray nasale anti-depressione, primo sì in Ue

Primo sì in Europa per un nuovo spray nasale contro la depressione maggiore. Il Comitato per i medicinali per uso umano (Chmp) dell’Agenzia europea del farmaco (Ema) ha infatti raccomandato l’approvazione di esketamina spray nasale in associazione a un inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina (Sssri) o a un inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina e della norepinefrina (Snri) per i pazienti adulti affetti da disturbo depressivo maggiore resistente al trattamento.

“Il disturbo depressivo maggiore colpisce circa 40 milioni di persone in Europa ed è la principale causa di disabilità al mondo. All’incirca un terzo dei pazienti non risponde alle terapie attualmente disponibili” commenta in una nota Allitia DiBernardo, European Therapeutic Area Lead for Mood Disorders di Janssen. Il parere positivo del Chmp segue l’approvazione della statunitense Food and Drug Administration (Fda) di esketamina spray nasale avvenuta nel marzo scorso. Il trattamento sarà ora riesaminato dalla Commissione europea, la cui decisione finale è attesa entro la fine del 2019.

“Siamo soddisfatti del parere del Chmp e della raccomandazione a favore dell’approvazione di esketamina spray nasale come terapia per i pazienti adulti affetti da disturbo depressivo maggiore resistente al trattamento” dichiara Husseini K. Manji, Global Head Neuroscience Therapeutic Area di Janssen Research & Development. Per circa 30 anni “a questi pazienti non sono state date nuove opzioni terapeutiche”. Il farmaco in spray nasale “è un’innovazione nella gestione della depressione maggiore resistente al trattamento, sfruttando una modalità di somministrazione unica e inedita”.